Endoparassiti: ci sono ma non si vedono

Endoparassiti: ci sono ma non si vedono

6 Marzo, 2020 Off Di VetAdmin

Cosa sono gli endoparassiti? Sono tutti gli organismi pluricellulari che possono infestare i nostri amici a quattro zampe, causando loro malattie.

Si distinguono dagli ectoparassiti (pulci, zecche, zanzare, ecc…) perchè a differenza di questi ultimi che vivono solo all’esterno dell’animale (in genere sulla cute), gli endoparassiti vivono internamente al paziente ed è impossibile vederli dall’esterno.

I più conosciuti sono gli ascaridi, in quanto sono molto lunghi e spesso, nei cuccoli infestati massivamente, sono così tanti che possono ritrovarsi nel vomito o nelle feci perchè non hanno più spazio per crescere all’interno. Non tutti sanno che però questa è una condizione eccezionale e che normalmente non è possibile vedere i parassiti adulti nelle feci, in quanto non si allontanano dall’intestino dell’animale.

Oltre agli ascaridi, abbiamo decine di altri parassiti interni, tra cui altri nematodi, le tenie, i coccidi, protozoi sanguigni come la leishmaniosi e l’erlichiosi, ecc…

E non tutti vivono nell’intestino, anzi, molto spesso infestano fegato, polmone, cuore, stomaco, vescica o altri organi, quindi non si ritrovano nelle feci dell’animale, gatto o cane che sia.

Inoltre, essendo così tanti, non tutti i rimedi farmacologici agiscono su tutti (la maggior parte agisce solo sui nematodi intestinali, che sono i più frequenti).

Come fare, quindi per capire se il nostro cane o gatto ha un’infestazione da parassiti? Si consiglia di eseguire un’analisi delle feci ogni 8-10 mesi agli animali che vivono in casa e ogni 4-6 mesi agli animali che vivono fuori casa o escono. L’esame feci costa pochi euro e qualsiasi veterinario può eseguirlo, servono solo un’apposita soluzione di arricchimento, un vetrino, un microscopio e mezz’ora di pazienza.

I gatti o i cani che non sono regolarmente sverminati, possono eliminare le larve nell’ambiente e queste larve sono pericolose per gli esseri umani, soprattutto bambini che giocano a terra e poi mettono le mani in bocca senza lavarle.

Inoltre sono pericolose per i cuccioli ed i gattini, perchè la madre le trasmette subito dopo il parto anche a loro (anche se è stata sverminata normalmente), che possono morire se l’infestione è troppo massiva.

Si consiglia quindi, dietro prescrizione del vostro veterinario, di sverminare madre e figli non appena inizia lo svezzamento, in modo da eliminare immediatamente i parassiti intestinali eventualmente presenti.